2015 PROGETTO AGRICOLTURA SUL CHIKALA, MALAWI

Il progetto che è stato realizzato interamente nel 2016 è un progetto volto a favorire l’agricoltura sul Chikala, in Malawi.

Il villaggio del Chikala è particolarmente isolato, e questo causa vari problemi anche dal punto di vista alimentare ed agricolo. Abbiamo pertanto realizzato una struttura con la duplice funzione di Mulino e aula di formazione.

La maggior parte della popolazione sul Chikala vive di coltivazione di mais che deve essere trasportato a schiena a valle per essere macinato, e poi (la eventuale parte invenduta per il fabbisogno della famiglia ) riportato sempre a schiena sulla montagna. Un’enorme fatica, e dispersione di tempo che provoca molti problemi e frequentemente disincentiva gli agricoltori stessi della montagna. Abbiamo quindi realizzato un mulino (con trasporto sulla montagna ed installazione all’interno dei due macchinari necessari alla macinazione del mais alimentati da un generatore) proprio per incentivare e facilitare le condizioni di coltivazione e di trasformazione del mais.

Inoltre spesso nelle comunità più isolate e povere come questa non ci sono docenti specializzati nelle coltivazioni locali che possano dare indicazioni sul miglioramento della rotazione di coltivazione nei campi, miglioramenti per applicare fertilizzanti, ecc. In questo contesto quindi abbiamo realizzato un’aula in cui gli agricoltori possano incontrarsi e frequentare corsi di formazione per agricoltori. Non ci saranno diplomi o certificati “riconosciuti” e spendibili, ma una formazione molto pratica che siamo convinti possa portare grandi benefici come avvenuto già per altri progetti. Insieme a padre Gamba è stato identificato un formatore disponibile a trascorrere lunghi periodi sulla montagna per la formazione.

Quindi la struttura più grande è stata internamente divisa in due. In una metà è stato installato il mulino e nell’altra metà l’aula di formazione in cui si tengono le lezioni, quando il mulino non è attivo.

A completamento del progetto anche un’abitazione, quella del mugnaio e/o formatore per custodire il progetto e dare maggiore garanzia di continuità.